Come massimizzare l’impatto dei risultati in Horizon Europe - APRE

Online

Come massimizzare l’impatto dei risultati in Horizon Europe

Corso Impatto

APREformazione

22 Giugno 2021

Sede: on line

Giornate: 4

Docente:
Di Rosa, Iasillo, Giglia, Rotolo

200.00 €

iva esclusa

Cosa comprende il corso

Al termine dell’ultimo modulo sarà trasmesso via email il materiale didattico e il link al questionario di valutazione la cui compilazione permetterà il rilascio dell’attestato di partecipazione.

Sconto Soci

Non previsto.

Modalità di pagamento

Carta di credito o  bonifico bancario.

Clicca qui per ulteriori informazioni sul pagamento

Informazioni aggiuntive

Contatti

Per la fatturazione o per domande di tipo amministrativo contattare

fatturazione.webinar@apre.it

Per tutte le altre informazioni sui corsi e sulla loro programmazione contattare

info-formazione@apre.it

ISCRIZIONI CHIUSE

Obiettivi

L’obiettivo di questo corso è di illustrare cosa rappresenta l’impatto per le proposte e i progetti finanziati da Horizon Europe, e quali sono gli strumenti da adottare per massimizzarlo e nello stesso tempo proteggerlo.

Lo scopo quindi sarà dare al partecipante degli strumenti pratici ma nello stesso tempo delle chiavi di lettura per impostare le proposte in maniera corretta e capaci di generare impatto a medio e lungo termine.

Destinatari

Mondo accademico, docenti, ricercatori, Imprenditori, manager di azienda, responsabili dipartimenti R&I, policy maker, professionisti

Descrizione corso

L’obiettivo generale di Horizon Europe è produrre un impatto scientifico, tecnologico, economico e sociale dagli investimenti dell’Ue in tema di ricerca e innovazione. Di riflesso tutte le proposte dovranno essere costruite nell’ottica di massimizzare l’impatto e gli effetti a medio e lungo termine dei risultati prodotti dal progetto (una volta finanziato).

In quest’ottica, quindi, il percorso formativo propone di analizzare da vicino gli strumenti e le strategie che possono essere adottate per costruire una proposta vincente. Sarà data una visione ampia di cosa si intende per impatto in Horizon Europe e come si costruisce in proposta l’impact Pathway. Molta attenzione sarà attribuita anche al piano per lo sfruttamento e la diffusione dei risultati, ma nello stesso tempo saranno illustrate le adeguate forme di protezione dei relativi risultati, tenendo in considerazione eventuali ipotesi di sfruttamento e altri interessi legittimi.

Infine sarà dato spazio anche alle politiche di scienza aperta, che sebbene non siano direttamente valutate nel criterio impatto, rappresentano sicuramente un approccio da adottare per massimizzare l’impatto della propria ricerca.

AGENDA

PRIMO MODULO - 22 GIUGNO

10:00

  • Introduzione al percorso formativo
  • Impatto: Definizioni e Tipologia
  • Impatto in Horizon Europe: l’impact pathway
  • L’importanza dello strategic planning
  • L’impatto nel template della proposta

11:30

Conclusione.

SECONDO MODULO - 24 GIUGNO

15:00

  • Introduzione al percorso formativo
  • Comunicazione e valorizzazione della scienza: Teorie e Modelli
  • Dissemination, Exploitation e Communication
  • Come strutturare un piano di comunicazione e disseminazione
  • I principali canali di disseminazione e comunicazione: suggerimenti e risorse utili

16:30

Conclusione.

TERZO MODULO - 30 GIUGNO

10:00

  • Perché Open Science
  • Cosa cambia rispetto Horizon2020
  • Open Science e Impact Pathway
  • Open Science come eccellenza scientifica
  • Obblighi per i testi: Open Access immediato
  • Obblighi per i dati
  • Altre pratiche di Open Science

11:30

Conclusione.

QUARTO MODULO - 1 LUGLIO

15:00

  • La proprietà intellettuale ·
  • Alcuni concetti chiave: da Horizon 2020 a Horizon Europe
  • Action plan e rilevanza della proprietà intellettuale nel rispondere alle sfide europee future
  • L’importanza dell’IP: alcuni dati fondamentali ·
  • Tool e risorse utili
  • Q&A

16:30

Conclusione

DOCENTI

Matteo Di Rosa

Matteo Di Rosa, dopo una laurea in Scienze della Natura e una esperienza da ricercatore sviluppata durante il periodo accademico, scopre la sua passione verso la comunicazione della scienza ed il fund raising. Nel frattempo,  svolge esperienze lavorative nel settore privato come consulente per le attività di comunicazione Conseguito il MasterSGP dell’Università La Sapienza di Roma in “Comunicazione e finanziamento delle scienze biomediche”, entra nel 2010 in APRE come Project Manager e Communication Specialist.

Dal 2011 ricopre il ruolo di Punto di Contatto Nazionale per la tematica Ambiente (incluso cambiamento climatico) nell’ambito del Settimo Programma Quadro della Commissione Europea e dal 2014 segue il programma Horizon 2020 come Punto di Contatto Nazionale per i temi SC5 Climate Action, Environment, Resource Efficiency and Raw Materials e SC2 Food Security, Sustainable Agriculture and Forestry, Marine, Maritime and Inland Water Research and the Bioeconomy . Coinvolto in diversi progetti europei (EcoWeb, TradeIT, Envimpact) e appassionato da sempre di web 2.0, in tutte le attività si prefissa l’obiettivo di coniugare la comunicazione e disseminazione della scienza con i nuovi media.

DOCENTI

Claudia Iasillo

Claudia Iasillo ha conseguito la laurea in Biotecnologie e, successivamente, il PhD in Biologia Molecolare presso l’Università di Aarhus in Danimarca, in collaborazione con l’Istituto di Genetica Molecolare di Montpellier. Successivamente, ha frequentato il master “La Scienza nella Pratica Giornalistica” presso La Sapienza Università di Roma.

Lavora in APRE dal 2018 dove si occupa prevalentemente di progettazione europea, di comunicazione e di gestione di progetti europei con un focus sul rapporto tra scienza e società. In particolare, si occupa di progetti incentrati su comunicazione della scienza, stakeholder engagement, Open Science, Public Engagement e Citizen Science.

DOCENTI

Elena Giglia

Elena Giglia, PhD, Master’s degree, è responsabile dell’Unità di progetto Open Science dell’Università di Torino. Ha collaborato con Ministero per la Ricerca (MUR) per la redazione del Piano Nazionale Open Science, di prossima pubblicazione.

Partecipa attivamente a convegni nazionali e internazionali e a workshop europei su Open Access e Open Science. Svolge una intensa attività di formazione e promozione su logiche e vantaggi della scienza aperta e sulla comunicazione scientifica, temi sui quali ha pubblicato numerosi contributi.

Cura il portale informativo OA@UniTO, www.oa.unito.it. È membro di diversi gruppi di lavoro nazionali e internazionali sulla Open Science. Rappresenta i membri italiani dell’infrastruttura OPERAS, e da dicembre 2020 è delegata di OPERAS nella EOSC Association. Coordina Co-OPERAS, progetto per rendere FAIR i dati delle scienze umane e sociali. Fa parte di comitati scientifici di convegni internazionali (OAI, ELPUB, GARR) e di Advisory board di progetti e iniziative aperte (Qeios, Open Knowledge Map, Polifonia).

DOCENTI

Alessia Rotolo

Alessia Rotolo è laureata in Giurisprudenza nel 2011 presso l’Università degli studi di Parma.  Nel 2012 ha frequentato un master di specializzazione in International Business presso l’Università Cattolica di Milano, di durata annuale, intraprendendo successivamente delle esperienze lavorative presso Uffici legali di Multinazionali.

Dopo un corso di perfezionamento in Progettazione Europea, a settembre 2016 entra a far parte di APRE dove, in qualità di Innovation Manager si occupa di assistenza e supporto alle piccole e medie imprese nella presentazione di progetti di innovazione nel programma Horizon 2020.

Ha maturato una vasta esperienza nei programmi di ricerca e innovazione europea con una particolare attenzione agli aspetti di innovazione e go to market.  Ha tenuto docenze sui temi del business nei progetti di ricerca e innovazione; sulle opportunità di finanziamento per le imprese, sulla gestione dell’IPR nei progetti di ricerca e innovazione.

Ha partecipato come docente in master sul tema dell’innovazione.

Torna su