ERA, nuovo Patto e governance rinnovata per l'European Research Area - APRE

L’ultima seduta del Consiglio dell'UE segna un punto di svolta nel futuro dell’European Research Area

A 20 anni dal lancio ufficiale, l’European Research Area (ERA) si rinnova. Nella seduta del 26 novembre scorso, il Consiglio dell’UE ha approvato: 

Insieme, il Patto eCconclusioni definiscono le traiettorie di sviluppo dell’ERA e ne semplificano il meccanismo di governance. Il pacchetto conclude la profonda riforma dell’ERA avviata nel 2020 su iniziativa del commissario europeo per la ricerca e l’innovazione Mariya Gabriel. 

Nell’ambito del Patto per la R&I in Europa gli Stati membri si impegnano, nei prossimi anni, a favore di:  

  1. Un insieme comune di principi e valori dell’UE per la R&I organizzati in tre categorie: valori da tutelare (e.g. libertà della ricerca scientifica), principi su cui intensificare il lavoro (e.g. libera circolazione dei ricercatori) e aree di intervento comuni (e.g. supporto agli Stati membri meno performanti nella R&I).  
  1. Settori d’azione prioritari condivisi che definiscono le quattro aree d’intervento su cui andranno a focalizzarsi le azioni incluse nell’agenda politica dell’ERA (vedi sotto). Tra queste, il rafforzamento del mercato interno della conoscenza, il supporto alla transizione vedere e digitale e il coinvolgimento dei cittadini nell’ERA.   
  1. Investimenti e riforme  tra cui l’impegno su base volontaria degli Stati membri a contribuire al raggiungimento di un livello di spesa Europeo in R&I paria al 3% del PIL dell’UE. 
  1. Processo semplificato di coordinamento e monitoraggio delle azioni implementate dagli Stati membri nel contesto dell’agenda politica dell’ERA 

Le Conclusioni del Consiglio sulla governance definiscono invece l’agenda politica dell’ERA per il periodo 2022-24 e invitano la Commissione a stabilire l’ERA forum. 

  • L’agenda è organizzata secondo le quattro aree di intervento definite nel Patto per la R&I in Europa. Per ogni area vengono indicate delle azioni specifiche e i corrispettivi outcome attesi. Gli Stati membri sono chiamati ad implementare le azioni su base volontaria, insieme alla Commissione europea e in cooperazione con i paesi associati al programma “Horizon Europe”. L’agenda verrà aggiornata  dalla Commissione ogni 18 mesi.  
  • L’ERA Forum è un gruppo di esperti  pensato per supportare l’implementazione dell’agenda politica. Sarà compito della Commissione stabilire il Forum e organizzare gli eventuali gruppi di lavoro. E’ previsto inoltre un largo coinvolgimento degli attori chiave nel mondo della R&I, con particolare attenzione alle organizzazioni ombrello.  
I prossimi passi 

Gli Stati membri e i paesi associati al programma Horizon Europe saranno invitati a individuare le azioni dell’agenda alle quali intendono partecipare.  

Entro il 2021, la Commissione è chiamata a stabilire l’ERA Forum. 

Infine, entro la metà del 2022 la Commissione europea dovrebbe presentare un quadro di monitoraggio e di valutazione per l’attuazione dell’ERA, realizzato insieme all’ERA Forum.  

 

Maggiori informazioni 

European Research Area – Informazioni generali | Consiglio Europeo 

Comunicato stampa ufficiale | Consiglio dell’UE (26/11/2021) 

Comunicato stampa Commissione Europea | Commissione europea (26/11/2021) 

 

Torna su